M

 

 

madòna Madonna, suocera, si usa anche come esclamazione di stupore
magàgna difetto, imperfezione, problema
magón stato d’ansia, angoscia
màio maglio, maggio
manarìn accétta (è anche un colle di Onigo)
mànco pèdo meno male
mànda mucca giovane (manza)
mandrón ospedale
mànego manico
manegòt manicotti
manèra mannaia
maneràž piccone a doppia lama
manìže manopole (guanti)
mào (o mamào) insetto repellente
maramèchete mostriciattolo (anche mào)
marangón falegname
maràntega tosse
marcà mercato, baccano, contrassegnato
marco contrappeso della stadera (“stalliéra”), era anche un’antica unità di peso in uso nell’Italia settentrionale
mare madre, molto popolari sono giochi di gruppo come “mare alta”, “mare bassa” o ”mare o cucéta”, “mare darsela e torsela” , ammasso gelatinoso per la produzione dell’aceto
mareghèr stomaco
marénda colazione
maréndole bacche
maria òrba gioco della moscacieca 
maridà sposato 
marinèle amarene 
màro mucchio di fieno 
maròide emorroidi 
marsòn scazzone 
màrti martedì 
martondèle insaccato tipico locale, vanno consumate cotte entro poco tempo dalla preparazione. In occasione della annuale macellazione del suino di casa, si usava mandare i bambini a prendere a prestito da un’altra famiglia l’inesistente “stamp dele martondèle” che, a detta degli adulti, era indispensabile per la loro preparazione. Questi tornavano in genere con un fagotto pesantissimo, e solo a faticata conclusa veniva loro rivelato lo scherzo.
martorèl martora 
màrž marzo, marcio 
mašnàr macinar
mašnìn macinino
màssa troppo
massèle guance
mastèl mastello
mastugàr masticare
matéž scherzi
mažùia grosso martello in legno (testa in senso dispregiativo)
mažuiòn testone
méda catasta di fieno
medégol medicazione posticcia
méi miei, miglio
menaìže materiale di riporto dei corsi d’acqua
menàr trasportare, mescolare
méo mio
mèrcol mercoledì
méscola mestolo in legno per polenta
messóra falcetto 
mèstego mansueto, addomesticato
mežonàr nominare (menzionare)
mi io
minosoquànt gran quantità (anche passùda)
mišèria indolenza, pigrizia, sensazione di freddo
missiér suocero
mòc orecchioni
mói bagnato
moiéche ???
moléna mollica
moléta arrotino
mona credulone, persona ingenua, vulva (“va in –“: va’ a quel paese)
monìna bruco (processionaria)
morbìn stato di eccitazione
morìcia topo
moriciaróla trappola per topi
moro nero, di carnagione scura
moronàr sfrondare le piante
morsegón morso, (“- de panža”) intenso e improvviso dolore addominale
moscaróla mobile in legno chiuso con rete fitta per proteggere gli alimenti dagli insetti
mošìgna salvadanaio, caditoia
mòssa diarrea
motopìc martello pneumatico
mufìn caccola
mùl mulo, persona scontrosa (“aver el mul”), scapolone
muràl listello, travetto
murèl (de luànega) salsiccia
mùs asino 
mus-ciàrse cambiare il pelo
mùšiga talpa
mušigòt torsolo
muss(àt) asino, testardo
mussa usato nel contesto “montar a mussa” come salire in groppa.
mužigòt moncherino, moccolo
mùžol tutolo (anche “bròtol”)

N

nàfata nafta
nàlio nylon
narànža arancia (frutto)
našàr annusare
nèola nuvola
nét pulito
néu neve
nišà iniziato, aperto, ulcerato
nìt nido
nivià appassito, andato a male, alterato
nižiói lenzuola
noghèra noce (pianta), anche “cuchèra”
nónžol sacrestano
nóra nuora
nošèla nocciola (frutto)
nošelèr nocciolo (pianta)
not notte, nocche (giunture delle dita)
nut nudo