I

inbalotà appallottolato
inbaucà imbambolato, stordito
inbriagà dai colori confusi. In genere è la conseguenza del lavaggio di capi colorati misti.
inbugà ingozzato (anche "incoconà")
inbušà smarrito, nascosto
incalmèla innesto (parte innestata)
incàlmo parte del tronco dove si inserisce l’innesto, sono definiti “da incàlmo” i frutti più grossi ottenuti da piante innestate con varietà più pregiate
incartelà con l’intestino intasato, (anche “costipà”)
inciucà impigliato
inciucàr abbottonare,  agganciare
incoconàr ingozzare
incožà imbrattato, impiastricciato
indòpara giorni feriali
indòrmia anestesia totale
indrìo tardo (“l’é un poc –“)
indriocùl all'indietro (camminare)
indrioschéna all’indietro (cadere)
infisticà condizionato da una forte convinzione
infrušinà sporco di fuliggine
ingambaràrse inciampare
ingašiàr cucire a macchina (vedi “pontàr”)
ingatià aggrovigliato
ingiažà ghiacciato
ingiòt tacchino (femminile: “ìngia” 
ingordión ingordamente (“magnàr de -”) 
ingošà ingozzato, saziato rapidamente 
ingropà annodato, ingarbugliato 
ingrumà ammucchiato, raggrumato 
inmagà plagiato 
ìnima (o “ìndima”): pertica 
inpanì infeltrito 
inpiràr infilzare, trafiggere, infilare
inpìria imbuto
inpižàr accendere
insemenì stordito
insenbrà ammassato, confuso
insenbròt miscuglio
intassàr accatastare (da “tàssa”)
intenta intinta (“meio acqua intenta che acqua de la brenta”: è meglio un po’ di brodaglia che la sola acqua)
intimèla federa del guanciale
intivàr azzeccare
intramèdo in mezzo
intrigàr essere di impiccio, “intrigàrse”: intromettersi
inžéndar bruciare (sensazione di bruciore) "el inzènde !" 
ióva utensile per togliere la corteccia ai vimini (iovàr)
iovadùre scarto dei vimini
ìssa pista di ghiaccio per slittino
issaróla slittino
ižàr aizzare

L

laguàž rugiada
larìn focolare, caminetto
làstre finestre (vetrate)
làt latte (è femminile: “la -”)
latìn residuo della produzione del burro
làvari labbra
làž laccio
lazarón scansafatiche
lechét vizio di gola
ledamèr letamaio
ledàn letame
lèmi schizzinoso (anche “schitignóso”)
lèp trogolo, tipica vaschetta in pietra sporgente dal muro del porcile usata per nutrire i maiali
lètrico corrente elettrica
levà sollevato, pasta madre del pane
levarìn piede di porco
limèga lumaca
lingéra persona scaltra, monello (anche “lìngia”)
lìngia vedi “lingéra”
lira libbra, (vedi “franco”)
lisiàž residuo del bucato tradizionale con cenere e acqua bollente
lìssia bucato
lóc allocco (“la lóc”); luogo o appezzamento di terreno
lónch lungo
lópa muschio 
lóra particolare imbuto per botti, allora
lóu lupo
luànega (murèl de) salsiccia
lùia scrofa
lùni lunedì
lùstro lucido