C

 

 

 

càbia gabbia
cabiòt gabbione, costruzione posticcia
cadìcia caviglia, tirchio
cadìn catino
caldarèla tinòzza
caliéra paiolo
calìven fuliggine
calivèrna nebbia
calìvo tempo nuvoloso
càlt caldo
calžét calzini
camìna ! muoviti !
canbùtola capriola, capitombolo
càneva cantina
canevàž chiavistello
canevàža strofinaccio (per asciugare i piatti)
canpanò gioco per ragazzi
cantón angolo
cào agglomerato superficiale del latte
càora capra, cavalletto usato per lavorare oggetti in legno
capelàn cappellano, chi abita in casa della moglie (anche "cuc")
caponèra gabbia per il pollame
capùrla capocchia
capùž cavolo cappuccio
caramadària camera ad aria (di pneumatico)
caràs incrostazione calcarea
carbonàž biacco
careàda segno delle ruote sulle strade sterrate
caréga sedia
careghéta seggiolaio
caregón seggiolone
caretèl piccola botte
càro (aver) gradire
carpéta sottoveste
casìn confusione, bordello (casa chiusa)
cašón costruzione adibita in genere a deposito attrezzi
casèla cassetto
caselòt cassone
càu usato nella forma "la' in càu" per "lì in fondo"
cautòrtol torcicollo (uccello)
cavà fóra svezzato, maturo
cavaliér baco da seta
cavedìn capezzagna, (strada attigua alle testate dei campi)
cavéi capelli
cavo ramo della vite
càža mestolo usato abitualmente per l'acqua
cažéta schiumarola
cažóla cazzuola
cèo piccolo, bambino
cér scricciolo (anche “regùž”)
cérega diradamento dei capelli dovuto a calvizie (anche “piaža”)
chegadòr latrina, gabinetto attrezzato con un seggiolino forato che si usava costruire sopra la concimaia (più raro “cheghìl”)
chègole tipiche macchie lasciate dalle mosche
chegòto diarrea
chèo (far) afflosciarsi, accasciarsi per la stanchezza
chièto calmo (quieto)
chipà spossato, accasciato
ciàcolar chiacchierare
ciàcole chiacchiere
ciàlt chiodatura delle scarpe
ciao ciao, deriva da “suo schiavo” (“s-ciào”), formula di riverenza in uso nella serenissima
ciàpa gluteo, ferro di cavallo
ciapà rappreso, addensato
ciàpar prendere, catturare (afferrare)
ciapìn presina
ciavàn cosa insignificante, gingillo
ciavàr truffare
ciavéž (anche “ciavàn”)
cìcara tazzina
cingón gomma americana (chewing-gum)
ciòc ubriaco
ciòca chioccia
ciodét fungo chiodino
ciòdo chiodo
ciópa nuca
ciòpa pagnotta
ciopìn collottola, nuca
ciòt ciuffo
ciùs ingenuo, sbadato
ciùšo stretto, angusto
co’ con, quando 
coa coda 
coamužìn girino 
coàt riparo 
cocón tappo superiore delle botti, capelli raccolti a pon-pon 
codèr porta cote 
coìncc (o “scoìnc”) ciocca di capelli raccolta 
coltrìne tende 
combàtar trafficare, affannarsi
cómedo gomito
comodàr assestare, andare a genio (“no’ me còmoda”: non mi sta bene)
còmodo vicino, prossimo
conàio caglio
conforme dipende, a seconda dei casi
conìcio coniglio
conžàr condire
conžiér condimento
corbàtol batticuore
corimàn mancorrente (poggiolo)
cortìu cortile (anche "cortìvo")
costipà intasato
costipà intasato, (anche “incartelà”)
cotaról chierichetto
còtola gonna
crèp ragadi delle dita
crešemàda punizione corporale
criàr gridare, piangere
crìola cesto a maglie larghe in vimini, più piccola della "brìnzia" veniva usata (rovesciata) anche come rudimentale sostegno per i bambini o per contenere piccoli animali domestici, conigli, chioccia con i pulcini ecc.

 

 

D

 

 

dadrìo dietro
dàlmare zoccoli di legno
dalóndi lontano
darénte vicino
démo suvvia
dènaro genero
deo dito
dèrla gerla
dermàn cugino
dešbudelà vestito disordinatamente (con la camicia di fuori)
descargàr scaricare
decarpiàr togliere le ragnatele
descuèrt scoperto
desfà sciolto (es. ghiaccio), smontato, sfasciato, sgranato (es. “desfàr panòce”)
desgatià dipanato
desgropàr sciogliere un nodo, sbrogliare
desmisiàrse svegliarsi
desmóia (vedi “lìssia”)
desprèž spreco, disprezzo, (vilipendio)
dessù di sopra
destiràrse stiracchiarsi
destrigàr sgomberare, sparecchiare
dežipàr sciupare
diaolòt perdita di sensibilità al tatto dovuta all’esposizione prolungata al freddo
didiàl ditale
disèrp ramarro
disnàr pranzare (desinare)
due, giù
dóba giovedì
dobòta tra un po’
dóc giogo per animali da tiro
dólž dolce
doménega domenica
doménti quasi
dontàr aggiungere, ricucire
doparàr adoperare
driomàn di seguito
durèl stomaco dei polli