A

 

  a nonostante le sembianze di una innocente vocale, viene molto usata (come del resto “e”, “mo”, “po”, e insóma”) per chiudere qualsiasi frase e in tale modo distinguere la parlata veneta dal resto del mondo: “varda ti a”, “mi no so e” oppure “mi no so po”.
ai aglio
amaròtico amaro
àmia zia
àmoi varietà di prugna (esistono ache "amoi de franza ")
ànda andatura, biscia ???
àngol bruco dalla caratteristica spina sulla schiena
ào alt ! (comando che viene dato ad animali da lavoro)
aparéchio velivolo (anche “reoplàno”)
àrden argine
ardìva fieno di secondo taglio
armarón armadio
arte cosa di poco conto, diminutivo: artužét (vedi “ciavàn”)
àšeno mascalzone, dispettoso
ašnón vinacciolo
assàr lasciare
àstico elastico
àu (o "àve") ape

B

bàbi rana verdi 
bàla palla, sbornia (anche: “sìmia”
balegàr calpestare
baléngo stordito
balòt ammasso, mucchio
bàmpol germoglio (pampino), “sbampolàr”: sfoltire i germogli
banca panca, bancone
banda parte (fatti da parte: “tirate in –“)
bandéta lattoniere
bandón bidone
bandùia cassa in legno dotata di manici per la lavorazione dell'impasto del pane (madia)
bàndus ! durante i giochi di movimento viene urlato ad invocare una momentanea sospensione del gioco
barba zio
barbajani barbagianni
barbajijo arachide (frutto)
bàrbole bargigli
barbùž mento (più usato è "sbèssola")
bàrch tipico fienile a copertura conica adattabile all’altezza del cumulo
bàro cespuglio
bartoèla cardine (cerniera)
bassacùna basculla (bilancia)
bàtar percuotere, abbattere, tagliare legna ("bàtar do"), mietere ("bàtar formènt")
batòcio batacchio (della campana)
baùco scimunito
baùtol verme (della frutta)
beàna donna pettegola
bearàr innaffiare
béca slitta
bechèr macellaio
beléža neo
bèrta formazioni nuvolose allo sbocco della valle del Piave
bešebéi pungiglione
bèt(-arel) pettirosso
beussèra vigneto a tendone
biavèr granaio
bichignól appiglio, capezzolo
biciòle pene, persona poco sveglia
bigàt larva del baco da seta (“cavaliér”)
bìgoi spaghetti
bigòl attrezzo per portare secchi
bišàta anguilla
bìscol altalena (andare in altalena: “'ndar al -”)
bìši piselli
bìšo pallido, grigio (bigio)
bissa da pra orbettino
bissa orba lucertola
bišùc citrullo
bìu chiazze nere che si formano lungo la canna fumaria a causa della condensazione dei fumi
bue
bocàda febbre (herpes simplex)
bocàl da pìs vaso da notte
bòcia ragazzo (Alpino in armi)
bògna ammaccatura 
bói (levar el) arrivare al punto di ebollizione 
boiàca poltiglia, impasto molto liquido di acqua e cemento 
boléta tipica macchia che si forma sulla parte posteriore delle mutande a causa di un uso prolungato 
bólp volpe (anche “vólp”) 
bombo fradicio, inzuppato 
boregàl fossato usato come discarica
bòto(un) l’una (13.00)
bòža bottiglia
božón bottiglione
braghésse pantaloni
branca pugno (quantità)
brancàr afferrare saldamente
brantanàda acquazzone, inondazione (vedi “scravàž”)
braùra bravata, azione compiuta con lo scopo di mettersi in evidenza
braurón spaccone
bravàr litigare, sgridare
brìnch appiglio, gancio
brìnžia cesto a maglie larghe per la raccolta del fogliame
brišòt fungo porcino
broàr scottare, "broàr su": lavare i piatti
bròc bocciolo, germoglio
bròca chiodo a testa larga (“- da tamìss”), rivetto
broént bollente
bróia escoriazione
bronža brace (plur: “bronže”)
bròša brina
bròtol tutolo (anche “mùžol”)
brumèstega tosse, raucedine
brušacùl bruciore al sedere (vedi anche “riscaldo”)
brušàr bruciare, marinare la scuola
bruscàndoi luppolo
bruscàr potare (le viti)
brùsch ascesso cutaneo
bruschìn spazzola
buànže geloni
buàža escremento di vacca
bubaràta falò
bùcole orecchini
budèle budella
bùla pula del grano
bulàda sfoggio di eleganza o ricchezza
buligàr (de panža) disturbo intestinale
bùlo elegante, vanitoso (vedi “bulàda”)
bunìgol ombelico
bùrcio zàngola, (botticella per fare il burro)
burèla fieno raccolto in modo da facilitarne il carico
burìda azione improvvisa dei cani da caccia, (blitz)
bùrlo trottola
bušéta occhiello
bušìa bugìa
bušièr bugiardo
bušnàr brontolare, rumore sordo di un temporale in lontananza
bušnaróle vimini (vedi "stròpe")
but germoglio
butàr germogliare, zampillare
butìro burro, persona “in carne”