Fin prima del millenovecento
tanti trevisani vivea a stento
par questo l'unica soluzion
fu da allora tentar l'emigrazion,

chi par mar chi par treno, el destin
fu de varcar in massa el confin
sercar laoro cossì in terra lontana
assando al paese moglie fioi o la morosa, papà e mamma.

Co' tanto spirito e più coraggio
molti trevigiani si mossero in viaggio
co 'na valigia repessada ma co' cura
talvolta ligada co' un spago o 'na sentùra,

co entro qualche per de scarpe vecie e co’ le bròche,
co quattro strasse co' i tacòn e anca ben poche
co el cor si pien de esultanza
co el pensier de casa e tanta speranza.

'Na volta rivadi in terra straniera
ogn'un pensa e spera
chi in Europa America o Australia
ma su'l cor sempre el pensier de la so Italia.

Ogn'un spera de trovar laoro
educatamente co' laboriosità e decoro,
qualunque laoro, no importa in che modo,
bastava occupazion e tutto fea brodo;
 
chi in miniera, manoval, qualunque cantiere
in ogni campo stima e dovere,
no importa se mal de schena o i cài su le man
ovunque nel mondo se fa onore el trevisan.

Unco' qua riuniti e festanti
veci e doveni ex emigranti
tutti fieri de essar de la bela Treviso
vada un pensiero a coloro che in terra lontana
ci han lasciato salendo in paradiso.